Annalisa Minetti: “Dopo Sanremo, vincero’ le Olimpiadi”

Pubblicato su “Diva e Donna” 

ROMA -“Voglio vincere le Olimpiadi, punto all’oro. A me piace sognare”. Le piace sognare e quando lo fa, lo fa in grande. Annalisa Minetti, 34enne cantante milanese, non vedente dall’ età di 18 anni, vincitrice di Sanremo 1998, lascia momentaneamente da parte le note, per raccontarci di un’ altra sua grande passione che in questi giorni l’ ha portata alla ribalta per i clamorosi risultati ottenuti. Nelle paraolimpiadi di Londra 2012, Annalisa rappresenterà l’ Italia come atleta correndo nella gara dei 1500 metri. Si è qualificata di diritto, dopo aver battuto il record italiano della specialità. Un grande risultato, soprattutto se si pensa che lei, sebbene da sempre grande sportiva, pratica la corsa da pochissimo. ” Da circa un mese e mezzo.”precisa la cantante. E già hai battuto il record italiano? “Sì, diciamo che mi è andata bene”, sorride,modesta. Il rapporto di Annalisa con lo sport è viscerale. “Ho sempre fatto molta attività sportiva. Ho iniziato sin da bambina. Ho praticato praticamente tutto quello che si può praticare in una palestra. Poi ho fatto pugilato, triathlon e duathlon, discipline dure, ‘da fondista’.”, racconta Annalisa che ora è anche insegnante di spinning e fit boxe. Nella cornice festosa e colorata della quinta giornata nazionale dello sport paralimpico, celebrata allo stadio delle terme di Caracalla, a Roma, tra ragazzi dai 6 ai 14 anni che si scatenano, mettendosi alla prova in diverse specialità, Annalisa, testimonial della manifestazione, è perfettamente a suo agio nei panni di atleta e si cimenta in due performance: la prima in bicicletta (“La bicicletta è stato il mio primo amore. Il  primo sogno della mia vita era diventare una  grande ciclista”), la seconda, sui 400 metri, insieme al suo allenatore, Andrea Giocondi. Lui, pluricampione italiano, ( che per la versione paralimpica della corsa, scende in pista al fianco della cantante per dargli la direzione tramite un laccio che li lega per i polsi), sta preparando Annalisa per un’ altra grande prova. ” Tentero’ di battere il record italiano anche sugli 800 metri” annuncia, “Saro’ orgogliosa di rappresentare l’ Italia nei 1500 alle Olimpiadi, ma sarebbe meraviglioso qualificarsi anche per gli 800. La velocità per me, però, è un’ esperienza nuova e devo dire che è durissima. Mi sto allenando molto, incrocio le dita.”Annalisa è abituata a prendere di petto la vita, e anche in questa nuova sfida, si è gettata anima e corpo “C’è un’ enorme potenziale in ogni essere umano. In tutte le situazioni, per me, volere è potere. “. Così, forse un giorno ha pensato ‘Voglio fare le Olimpiadi’, ha frantumato il record italiano, ed è entrata di diritto nella nazionale paralimpica, è andata così? “Ho chiamato io Luca (Pancalli, presidente del comitato paralimpico e vicepresidente del CONI n.d.r.) . Erano tanti anni che mi allenavo, praticando diverse discipline, senza nessun obiettivo particolare , solo per la mia felicità. Quelli dell’ allenamento, infatti, per me, sono gli attimi più felici della giornata, a parte quelli trascorsi con mio marito Gennaro e mio figlio Fabio, ovviamente. Così ho pensato di dedicarmi in modo piu’ serio nello sport, anche per impegnarmi piu’ direttamente in qualcosa in cui credo e ho pensato subito alle paralimpiadi. Mi sono iscritta alla società sportiva ACI di Roma e ho cominciato ad allenarmi in vista di quest’ obbiettivo. E ho scoperto anche quanto puo’ essere duro.E’ un impegno continuo, che non prevede giorni di riposo.  Lavoro due volte a settimana a Villa Spada a Roma poi, Andrea, il mio allenatore, mi manda il programma di allenamento per gli altri giorni della settimana, in cui corro seguita da mio marito, Gennaro. E non ci sono domeniche che tengano, mi sto allenando tutti i giorni. E’ molto impegnativo ma mi fa sentire molto bene, mi da grande soddisfazione. Io mi sento completa quando corro e così ho scoperto di avere anche un sogno che si chiama medaglia d’oro.” C’ è differenza tra le emozioni che ti da il canto e quelle che ti da lo sport? ” Certo, sono due cose completamente diverse. Io sono sportiva da sempre. Il canto lo vivo come un dono divino. La mia voce è qualcosa che Dio mi ha dato per trasmettere un preciso messaggio. Per me cantare è una cosa del tutto naturale, come muovere un braccio. Lo sport invece, l’ ho cercato, l’ ho voluto, me lo sono ‘sudato’. Ed è stato sempre una scuola di vita: ti insegna la disciplina, il rigore, la fermezza. La fatica fa bene, tempra. Io sono stata sempre una “fondista”, da quando mi sono messa in testa di lavorare sulla velocità ho dovuto affrontare nuove difficoltà. Ma questo mi piace. Anche nei momenti piu’ difficili,anche la sensazione di sfinimento. L’ ho detto ad Andrea, quando mi è successo di stare male, di sentirmi svenire e lui ha detto ‘Vai! Vuol dire che stai andando bene!'”.La musica, lo sport, sei una che cerca sempre sfide nuove? ” Mi ripeto: volere è potere, ogni essere umano è dotato di un grande potenziale. Io, poi, lavoro e mi impegno anche e soprattutto per le persone che ho intorno e che credono in me. Odio deludere chi mi dà fiducia. Voglio dare il massimo soprattutto per chi mi sta vicino. Sempre.”E come concili la tua attività di cantante con quella di atleta? “La mia attività di cantante continua. Non potrei vivere senza cantare ma cerco di portare avanti anche quest’ altra attività, dividendo tempo ed energie. Quest’ estate ho girato l’ Italia, con i miei concerti. E in ogni tappa avevo preso l’ abitudine di arrivare un po’ prima per farmi i miei bei giri di corsa. Cosi’ la gente mi vedeva nel primo pomeriggio che correvo in calzoncini e poi la sera, trasformata, sul palco. Ma ero sempre io. E venivo puntualmente riconosciuta, tanto che i miei giri iniziavano con la sola compagnia di mio marito e finivano sempre con una piccola folla di gente che si era unita lungo il percorso alla corsa. Perchè un altro grande potere che ha lo sport è che unisce!”
Valentina Di Nino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...