Il museo Apple piu’ grande del mondo? E’ in Italia

apple“Osare sempre. E’ questa la lezione di Steve Jobs. In un certo senso anche noi abbiamo osato, molti anni fa, quando abbiamo fatto nascere per scherzo questo museo. ”  dice Alessio Ferraro. Lui e i suoi amici si sono ispirati al carisma e all’ audacia di Steve Jobs e, nel loro piccolo, ne hanno seguito le orme, dedicando all’ azienda del geniale informatico statunitense da poco scomparso e che con le sue intuizioni ha cambiato le nostre vite, un museo nel loro paese, Quiliano, trasferito poi a Savona e che é, incredibile ma vero, il piu’ grande del mondo nel suo genere.

Come avete iniziato? “Per gioco, nel 2001,in seguito alla chiusura di un negozio di computer di Savona.I proprietari si dovevano liberare di materiale che raccontava 30 anni di informatica e così lo avevano messo a disposizione di chiunque fosse interessato.  Io l’ ho preso in blocco e l’ ho messo in magazzino. Poi ci siamo trovati, con qualche amico, a cercare di capire cosa farne e abbiamo deciso di renderlo accessibile a tutti. All’ inizio avevamo uno spazio espositivo piuttosto provvisorio: a casa mia. Poi, per la sede, nel 2005, ci è venuto incontro il sindaco di Quiliano, Nicola Isetti che ci mise a disposizione alcuni locali nel seminterrato della scuola media del paese. Ma oggi, quei locali sono diventati troppo piccoli per la collezione di ‘All about Apple’ e siamo in procinto di trasferirci a Savona.”

Avete avuto subito successo? “Nel giro di due- tre anni abbiamo incrementato il patrimonio museale. La cosa ci è esplosa in mano. E siamo molto contenti dell’ attenzione degli appassionati.”

Avete molti visitatori? “Si, anche perché abbiamo cercato di creare un ‘esposizione che interessi tutti. Di soliti arrivano uomini che si portano dietro mogli e fidanzate che sbuffano, ma che poi si divertono ed escono contente dal museo dove possono conoscere storie, aneddoti e curiosità sulle macchine. E molto gioca anche il fattore nostalgia.”

In molti si fermano davanti a quello che è stato magari il loro primo computer? “Si,  alla fine il visitatore rimane incantato, anche perché l’ esposizione è resa viva: tutte le macchine sono accese e questo è un primato.” Ma quanti pezzi avete al momento nella vostra collezione? “Circa 7000. Prodotti dal 1976 ai giorni nostri. Tutti donati dai proprietari.”

E qual’ é il pezzo piu’ prezioso?Una macchina che suscita molta emozione e che consideriamo un po’ il simbolo del nostro museo è il Lisa, un computer modernissimo, dotato di interfaccia grafico, con il mouse, del lontano 1983. L’ ho trovata da un vivaista, che ci teneva la contabilità.”

Voi avete avuto anche la benedizione ufficiale  da Cupertino. “Si. Nel 2005, avevamo da poco aperto il museo e abbiamo trovato in segreteria telefonica un messaggio di Brett Murray, senior manager della Apple. Pensavamo si trattasse di uno scherzo e invece, era tutto vero! Arrivo’ infatti una lettera di Murray che si congratulava con noi per l’ iniziativa e ci faceva i suoi in bocca al lupo. Loro non avevano mai pensato a creare niente di simile, sono un’ azienda proiettata nel futuro, non gli interessa il passato, eppure si congratulavano per la nostra iniziativa. L’ anno dopo siamo stati anche invitati in California a visitare l’ azienda. E’ stato davvero emozionate andare a sbirciare dietro le quinte. Purtroppo non riuscimmo a parlare direttamente con Steve Jobs, arrivammo alla porta del suo ufficio, a un passo dal mito, e questo è un po’ un rimpianto.”

Cosa vi affascina del mondo creato da Jobs? “Intanto, da informatici, apprezziamo la funzionalità delle macchine che produce la Apple. E’ l’ unica ditta che produce sia la macchina che il sistema operativo. E’ un progetto unico. E poi c’è lo stile Apple, l’ attenzione al particolare, lo spingersi sempre avanti, l’ aspirazione continua alla perfezione. Quando siamo andati a visitare l’ azienda abbiamo visto lo sforzo delle persone, la loro voglia di migliorare sempre. E molto è merito del grande carisma di Steve Jobs. Sarà veramente dura senza di lui.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...