Tv: Annuccia é cresciuta, intervista a Eleonora Cadeddu, la (ex) piccola di Un Medico in famiglia

annucciaPubblicato su “Vero Tv”

Annuccia è cresciuta. La piccola di casa Martini, non è piu’ così piccola e anzi, quest’ anno tutti i telespettatori della serie “Un medico in famiglia”, vedranno fiorire una giovane donna travolta da una grande storia d’ amore con un giovane tatuatore, interpretato da Edoardo Purgatori. Eleonora Cadeddu l’ interprete è una bella ragazza di 17 anni che è cresciuta sotto i riflettori e quest’ anno, come il suo personaggio, sembra molto piu’ sicura di se’.
Eleonora, ti abbiamo conosciuto che avevi tre anni, oggi ne hai diciassette, sei cresciuta in tv, come ha influenzato la tua crescita?
“Sicuramente crescere sul set mi ha tolto qualcosa ma mi ha anche dato tanto. Non mi ha molto influenzato l’ essere conosciuta da tutti come ‘la piccola’ , questo no. Piuttosto, la mia vita è stata un po’ diversa a livello pratico, da quella dei miei coetanei. Lavorando sul set, mi è capitato di andare a scuola di meno per poi recuperare ed è capitato anche di dover lavorare invece di andare a una festa, ma se queste cose mi sono state tolte, me ne sono state date altre : ho ppotuto vivere una realtà diversa, esperienze che i miei coetanei magari faranno tra qualche anno, io le ho già fatte, quindi, mi sento fortunata.
Ma é difficile per una ragazza crescere nel mondo dello spettacolo?
“Tutti sanno che c’è una parte brutta del mondo dello spettacolo e crescendo me ne rendo conto ma io ho avuto la fortuna di fare un’ esperienza su un set molto particolre. Sul set del “Medico” c’è grande affiatamento con tutti e io ho vissuto con grande naturalezza questa esperienza che fino a quest’ anno facevo fatica a percepire come lavoro. Per me, è sempre stato come stare in famiglia, me l’ hanno fatto vivere come un gioco, mi hanno protetto. Sono cresciuta davanti alle telecamere come fosse una cosa del tutto normale, in modo naturale, senza ansie né pressioni. A dir la verità, ora che sono cresciuta le uniche pressioni che sento sono quelle che mi faccio io, che sono piu’ concentrata e voglio sempre dare il meglio. Anche perché, fino a quest’ anno, si puo’ dire che non avevo quasi realizzato di essere un’ attrice, di lavorare, fino a quest’ anno. ”
Che cosa è cambiato?
Fino adesso ho sempre dovuto fare sul set cose che facevo tutti i giorni, affrontare situazioni che affrontavo quotidianamente nella mia vita. Quest’ anno, invece, la storia di Annuccia è piu’ complessa e mi ha posto il problema di relazionarmi a situazioni che nella mia vita non mi è ancora capitato di fronteggiare. Questo mi ha fatto sentire che stavo recitando ed anche la soddisfazione che ho avuto quest’ anno è stata molto maggiore.
Perché, che cosa succederà ad Annuccia quest’ anno?
“Annuccia, che ci terrà a farsi chiamare Anna, visto che ormai è grande, vivrà la sua prima, grande, storia d’ amore e, senza anticipare troppo sarà una storia passionale e complessa, come tutte quelle che sono state raccontate in “Un Medico in famiglia” e si troverà a gestire situazioni complicate.
L’ innamoramento di Annuccia è una delle situazioni che tu non hai vissuto nella tua vita e per cui hai dovuto ricorrere esclusivamente alla recitazione?
“No, io mi sono già innamorata, ma ogni storia, ogni amicizia e ogni amore, è diversa. Qui mi trovo a gestire una bella storiona complessa che mi ha messo davanti a situazioni sconosciute ma sono completamente soddisfatta di come sono riuscita a gestirle.”
Il tuo piu’ che un personaggio, è un ‘alter-ego’ che ti porti dietro da quando avevi due anni, quanto c’è di Eleonora in Annuccia?
“Anche questo è cambiato negli ultimi anni, anche se rimane tanto. I primi anni, ovviamente, si puo’ dire che Annuccia ed Eleonora coincidevano, perché mentre crescevo io, cresceva lei e facevamo le stesse cose, vivevamo le stesse situazioni. Ma già con l’ adolescenza io e Annuccia ci siamo differenziate: lei ha vissuto un periodo in cui non si piaceva, si vedeva sempre brutta, io, per fortuna quel passaggio l’ ho superato in modo molto piu’ sereno, senza tante inquietudini. E poi, come dicevo, quest’ anno, per la prima volta, sul set, mi sono ritrovata a pensare ‘cosa farebbe ora Annuccia, come reagirebbe?’, perché piu’ cresco e piu’ ci differenziamo. Sicuramente quello che ci accomuna ancora, e’ un carattere forte, Annuccia è una gran ‘capa tosta’, lo è sempre stata, anche piu’ di me .
Quindi, quest’ anno ti sei sentita piu’ attrice, pensi che continuerà ad essere questa la tua strada in futuro?
“Devo dire che, fino ad oggi, avevo associato l’ esperienza della recitazione solo al “Medico”, non ho mai pensato di poter proseguire su questa strada, quello dell’ attore è un lavoro precario, senza nessuna certezza, pero’ devo dire che la soddisfazione che ho provato quest’ anno mi sta facendo riflettere sul futuro, ma per ora, l’ obbiettivo piu’ prossimo è quello di diplomarmi. Il prossimo anno dovrei prendere la maturità scientifico-linguistica.”

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...