Lando Buzzanca torna sul set e parla del misterioso ricovero di agosto

Pubblicato su “Stop”

Il vecchio leone è tornato a ruggire. Dopo la grande paura, un ricovero in ospedale che si è subito tinto di giallo, Lando Buzzanca, 78 anni, torna sul set del “Restauratore2”, piu’ grintoso che mai, e racconta che cos’è successo, all’ alba del 7 agosto quando, mentre un’ ambulanza lo portava al Santo Spirito, i media parlavano di tentato suicidio.
Cosa è successo quella mattina a casa sua?
“E’ stata tutta colpa dello stress e del caldo. Ho lavorato moltissimo in questi mesi, e anche il giorno prima del mio mancamento avevo lavorato sul set della seconda edizione del restauratore. Giorni in cui a Roma faceva una temperatura di 42 gradi e per esigenze di scena io ho lavorato sotto il sole in camicia e giacca. Quella notte non ero riuscito a dormire, per rilassarmi, verso le sei, mi sono alzato e invece della solita doccia ho pensato che mi avrebbe fatto bene un bagno nella vasca. Ho pensato di iniziare la giornata così, con un bagno e un bicchiere di grappa che mi tirasse su. Sono stato un ingenuo perché il mio meccanismo interno si stava inceppando, io sentivo che qualcosa non andava e infatti, sono entrato nella vasca e mi sono sentito mancare, da quel momento in poi il buio, non ricordo piu’ niente.”
Niente?
“No, si figuri, che non ricordo nemmeno i baci di Barbara Bouchet. Mi hanno detto che è venuta a trovarmi in ospedale e mi ha riempito di baci ma io non ricordo.”
Ma si é parlato di una scena molto drammatica: tagli al polso, una lettera, insomma, lo scenario di un tentativo di suicidio..
“Si, si è fatto molto clamore, tutte stupidaggini, è stato un malore, è stata una reazione del mio fisico al troppo stress. Umano, anche se non mi era mai capitato. E i tagli sono dovuti a quel bicchiere in mano con cui sono entrato nella vasca che è caduto e si è rotto. Tra l’ altro, quando sono svenuto ed è caduto il bicchiere, è stata una fortuna perché il rumore ha allertato la colf che ha chiamato aiuto.”
Si è parlato anche di una lettera, una sorta di ‘biglietto d’ addio’ in cui lei avrebbe descritto, tra l’ altro, l’ amarezza di sentirsi ‘dimenticato dal mondo dello spettacolo’.
“No, assolutamente è una cosa che non ho mai pensato. Anzi, in questo periodo ho lavorato moltissimo. Prima di riprendere “Il restauratore2”, ho girato “Terra ribelle”, per sei mesi in Uruguay, poi ho girato per mediaset, ora sto di nuovo sul set, per un impegno lungo otto puntate. Anzi, quello che è successo mi ha dimostrato ancora una volta l’ affetto di cui godo, ovviamente, in primo luogo da parte del pubblico. Fin da quando ho iniziato questo mestiere ho sempre creduto che un attore sia dipedente dall’ amore del pubblico, perché è il pubblico che ti da da mangiare e ti porta alle stelle e questo io me lo ricordo sempre. Ringrazio tutti quelli che mi hanno mandato messaggi d’ affetto.”
E adesso torna sul set con lo stesso entusiasmo di sempre?
“Io ho la fortuna di fare un lavoro meraviglioso e dopo cinquantatre anni, eccomi qua, a 78 anni appena compiuti, impegnato nell’ ennesimo ruolo da protagonista. Amo davvero recitare e sono molto contento del lavoro che stiamo facendo in questi giorni sul set anche se, per quello che mi riguarda, non mi accontento mai. Mi dicono che sono un perfezionista, diciamo che io cerco di esserlo, ma la verità è che vivo nel dubbio, per carattere. Ancora oggi, anche se sono impegnato in poche scene io ‘me la faccio sotto’, ma questo è un vantaggio, perché mi aiuta a concetrarmi su quello che faccio, a viverlo piu’ intensamente.Io, alla fine, sono uno che guarda la luna, che vuole lasciarsi sempre stupire dalle cose. La vita va vissuta così com’ è, affrontarla. Se una cosa si rompe, bisogna ripararla, non lasciarla perdere. Bisogna aiutare chi non ce la fa e io penso che questo poi, sia insito nella natura umana. Tutti gli uomini nascono tendenzialmente socialisti, cioè con la naturale inclinazione ad aiutarsi l’ uno con l’ altro.”
Quando si è parlato di tentativo di suicidio, al di là delle delusioni lavorative, si è tornato a parlare del dolore che lei aveva raccontato, per la morte di sua moglie, Lucia.
“La vita va avanti, sono qui, lavoro, faccio progetti, ma non nego che io non ho perso solo una moglie, quando è morta Lucia io ho perso la mia vita. Noi eravamo una persona sola da oltre cinquant’ anni e lei se ne è andata solo tre anni fa, ma io la sento ancora qua. Lucia per me è stata tutto, quando ci siamo incontrati lei era una ragazzina di diciotto anni, ma da quel momento mi ha scelto ed io sono diventato il suo uomo, per sempre. Lei mi ha insegnato la forza delle donne quando amano, una cosa che noi uomini non abbiamo, mi ha insegnato anche che nella vita bisogna essere coraggiosi e rischiare: lei ha sfidato e rotto i rapporti con la sua famiglia per me. Lucia era benestante, figlia di gioiellieri che non volevano che sposasse uno come me, un morto di fame con l’ allora vaga speranza di diventare attore. Ma lei aveva scelto e non torno’ mai indietro anzi, ando’ avanti, e spinse in avanti anche me. Quando mi presero all’ accademia lei era una ragazzina che era appena diventata madre. Quella scuola era il mio sogno, ma saremmo dovuti rimanere lontani per tre anni. Mi ricordo quando ne parlammo, lei aveva in braccio il nostro bambino, che aveva quattro mesi, mi chiese solo: ‘tornerai?’ Io la guardai negli occhi e le dissi. ‘Se tu mi aspetti, io torno.’ Passarono davvero tre anni in cui lei crebbe praticamente da sola nostro figlio e io ho potuto fare il primo passo importante per entrare in questo mondo. Io vivevo per lei e lavoravo per lei, e ora, dopo tre anni, non nascondo che faccio ancora fatica a pensare che lei non ci sia piu’. Le confesso che la notte quando mi rigiro nel letto mi viene ancora da pensare: ‘faccio piano, così non la sveglio.'”

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...