La guardia svizzera chef svela i segreti della tavola dei Papi

Pubblicato su “Diva e donna”

“Ah, le empanadas, che buone!”, così Papa Francesco, noto, tra le altre cose, anche per l’ amore per la buona tavola, ha esclamato, guardando il suo piatto preferito, i tipici fagottini di carne argentini, descritti nel libro “Buon Appetito!” Non un semplice ricettario, ma un vero scrigno di tesori per i curiosi di cose vaticane e gli amanti della buona tavola. Cosa si mangia oltre Porta s. Anna? Quali sono le pietanze più amate da Papa Francesco? Cosa mangia più volentieri, invece, il Papa Emerito Joseph Ratzinger? E il suo fido segretario, arcivescovo George Gänswein? Stiamo per fare un viaggio nei segreti culinari dei Sacri Palazzi, guidati da un ‘insider’ molto particolare Continua a leggere

Annunci

Bruno Serato: il cuoco italiano che sfama i bimbi poveri di Hollywood

Pubblicato su “Vero”

“Papa Francesco ha scritto su twitter: ‘Aggiungete un posto a tavola per i bisognosi’, ho pensato:’mi ha rubato l’ idea!”, ride lo chef Bruno Serato, mentre con una battuta si compiace di quello che è la sua quotidianità, ma anche l’ iniziativa che ha reso la sua esistenza speciale e fatto nominare ‘eroe dell’ anno’ dal network statunitense CNN: dare da mangiare a chi non ce l’ha, in particolare ai bambini. “Nessun bambino dovrebbe andare a letto senza cena”, è il suo motto che gli ha fatto regalare un piatto di pastasciutta, dal 2005, prima a uno, poi a dieci, poi a venti, poi a cento e ora a mille bambini in difficoltà, tutte le sere, sette giorni su sette. Continua a leggere

Padre Corrado, l’ Elemosiniere di Papa Francesco

“La prima cosa che mi ha detto Papa Francesco quando mi ha nominato elemosiniere è stata: ‘non aspettare che i poveri vengano a bussare alla tua porta, vai a cercarli tu per strada’. Il Santo Padre vuole che io faccia esattamente quello che faceva lui quando era un semplice prete, a Buenos Aires, e cioé uscire e andare a portare aiuto a chi ne ha bisogno. Lui vuole che io sia il suo rappresentante con i poveri. E questo è davvero un grosso impegno per me, una responsabilità enorme, ma cerchero’ di impegnarmi al massimo.” così parla Konrad Krajewski. Classe 1963, Krajewski è l’ elemosiniere del Papa. “In questo ruolo io sono il volto della misericordia di Dio. Papa Francesco non puo’ farlo piu’, io agisco per lui.” spiega. Continua a leggere

“Pronto? Sono il Papa”

Pubblicato su “Chi”

Squilla il telefono in una libreria di Via della Conciliazione, a Roma. “Pronto, signora Mery?”, la libraia dall’ altra parte della cornetta riconosce la voce ma è incredula “Santità?”, azzarda, “Come ha fatto a riconoscermi?”  a quel punto Mery Alfonso, 39 anni, colombiana, seppure sorpresa ed emozionata non puo’ che essere sincera “Il suo accento, e poi, solo Lei mi chiama signora Mery.” E’ andata così, l’ altra mattina alla libreria Coletti, pochi metri da piazza S. Pietro, è squillato il telefono e dall’ altra parte c’era..il Papa! Continua a leggere

“Papa Francesco mi ha cresimata, ora vorrei che battezzasse il mio bambino”

“Mia madre davanti la televisione è rimasta all’ inizio senza parole, poi mi ha chiamato e mi ha detto ‘ma guarda chi hanno fatto Papa’ sono arrivata davanti alla televisione, l’ ho visto e pure io non me l’ aspettavo proprio”, una grande emozione per Geraldine Tomassini, 22 anni e per la sua famiglia, argentina di Buenos Aires, quella provata la sera del 13 marzo scorso quando a piazza San Pietro, a Roma, la fumata bianca annunciava a tutto il mondo l’ elezione del nuovo Papa. Un Papa da subito molto amato, che ha scelto di chiamarsi Francesco e che viene dalla città di Gerardine anche se lei e la mamma Liliana che lo hanno conosciuto bene quand’erano in patria sono rimaste incredule per un po’ al momento dell’ annuncio “Quando mia mamma ha sentito quel nome, Jorge Mario Bergoglio, mi è venuta subito a chiamare e mi ha detto ‘ma lo sai chi hanno fatto Papa? Il prete che veniva sempre a scuola tua!’ Continua a leggere